Fuggire

Come raccontare per immagini 111 giorni di prigionia di un volontario di Medici senza frontiere, sequestrato e tenuto in ostaggio in attesa del denaro chiesto in riscatto? Christophe André si occupava di tenere la contabilità della ONG nella quale lavorava. Era la prima volta che si trovava in un campo umanitario ed è stato rapito…

These boots are made for walkin’

These boots are made for walkin’ You keep saying you got something for me Tu insisti a dire che hai qualcosa per me Something you call love but confess Qualcosa che chiami amore ma confessa You’ve been a’messin’ where you shouldn’t ‘ve been a’messin’ Hai fatto confusione quando non avresti dovuto fare confusione And now…

Capire Israele in 60 giorni (e anche meno)

Dal 1994 i ragazzi ebrei di tutto il mondo – purché abbiano tra i 18 e i 26 anni – possono fare un viaggio alla scoperta di Israele offerto dalla Taglit Birthright Israel, un’agenzia finanziata dal governo israeliano e da associazioni private. Il programma Taglit viene utilizzato ogni anno da migliaia di giovani provenienti dai…

What it feels like for a girl

Come si sente una ragazza Girls can wear jeans – Le ragazze possono mettere i jeans And cut their hair short – E tenere i capelli corti Wear shirts and boots – Indossare magliette e stivali ‘Cause it’s OK to be a boy – Perché è OK essere come un ragazzo But for a boy…

La prima verità

Simona Vinci (1970) è l’autrice di questo libro a metà tra romanzo e ricordi autobiografici, vincitore del Premio Campiello 2016. L’idea del libro nasce quando la scrittrice vede, o per meglio dire, impatta contro una fotografia, quella di una bambina legata a un letto di contenzione dentro un manicomio. I motivi che hanno portato la piccola…

Roar

Roar (Ruggito) I used to bite my tongue and hold my breath – Mi mordevo la lingua e trattenevo il fiato Scared to rock the boat and make a mess – Temendo di agitar le acque e combinare un casino So I sat quietly, agree politely – Sedevo quieta, annuivo educata I guess that I…

La proprietà

Prima della seconda guerra mondiale la comunità ebraica residente in Polonia consisteva in 3.3 milioni di persone ed era la più grande d’Europa, seconda nel mondo solamente a quella degli Stati Uniti. Potete immaginare quante proprietà possedevano gli ebrei in Polonia: abitazioni, terreni, ditte, industrie. I nazisti, quando nel 1939 invasero il paese, requisirono tutte queste…