Annus mirabilis

In questi giorni in Italia la pandemia di Covid-19 comincia a diminuire. Riaprono alcune attività, le persone cominciano di nuovo a incontrarsi. Abbiamo passato mesi di clausura durante i quali abbiamo guardato meravigliati le città restare immobili e le strade improvvisamente vuote, ascoltato un silenzio irreale galleggiare su tutto, sospeso e in attesa, sperando che…

Il seggio vacante

La Gran Bretagna si conferma, con questa scrittrice, terra feconda di autori capaci di guardare all’animo umano con spassionata intelligenza e raffinata spietatezza. C’è un lungo elenco di grandi scrittori inglesi che ci hanno donato romanzi indimenticabili, uno su tutti quel Charles Dickens che in particolar modo ha saputo raccontare i pensieri e le emozioni…

Harry Potter

C’era una volta un bambino, cresciuto orfano e senza amore. Lui stesso si era già accordo di qualcosa di strano nel proprio modo di maneggiare la realtà, ma certe differenze tra sé e gli altri bambini non lo avevano sconvolto o spaventato. Di certo era molto, molto solo. Nessuno degli adulti che si occupavano di…

Cose che si possono e non si possono dire

L’idea viene a John Cusack, statunitense, famoso per essere un attore di Hollywood, meno noto per essere un impegnato attivista, che devolve parte dei suoi guadagni ad associazioni per i diritti civili, e un giornalista che ha scritto per l’Huffington Post dal 2005 al 2009. Cusack pensa a un incontro, una conversazione a quattro con…

La saga dei Cazalet

3049 pagine distribuite su 5 libri, almeno 30 personaggi principali e 20 anni di storia familiare. Questi sono i numeri primi della saga della famiglia Cazalet, indivisibili, necessari e potenzialmente infiniti. L’autrice infatti si accontenta di raccontare solamente il periodo che va dal 1937 al 1958 ma al lettore resta la curiosità di sapere cosa…

Mio caro serial killer

«Camminai lentamente per le strade. Respirai, sospirai. Chiunque mi avesse visto poteva prendermi per una delle tante donne sole che popolano la città senza che nessuno si accorga mai di loro.» Si chiude così il decimo (dodicesimo, a voler contare anche due raccolte di racconti) e per ora ultimo romanzo che Alicia Giménez-Bartlett ha scritto per…

Il mistero del London Eye

“Dipende da che parte guardi le cose” dice sempre Ted, il ragazzino protagonista di questo libro. Per esempio, la grande ruota panoramica di Londra, il London Eye, gira in senso antiorario se la guardi da un lato, ma se ti sposti dall’altra parte del fiume allora la vedrai ruotare in senso orario. Ted guarda il…

Doppio fondo

I pescatori francesi di un paesino della Loira Atlantica trovano il cadavere di una donna annegata. Ha “l’abito a fiori, l’espressione serena, il corpo ben conservato”. Siamo nel 2004 e il commissario Fouquet si occupa del caso: omicidio o suidicio? Proprio poco tempo prima il commissario aveva letto un articolo che l’aveva colpito molto sui…

Il racconto dell’ancella

Margaret Atwood aveva 46 anni quando nel 1985 venne pubblicato questo suo romanzo distopico. Immaginare che il futuro possa svilupparsi secondo gli aspetti più negativi della nostra società, come avviene nei testi distopici, potenziando gli aspetti liberticidi e totalitaristi, prefigurando scenari sfavorevoli, è un’operazione che ha molto a che fare con l’utopia, secondo la Atwood,…

Il morso della reclusa

Un’indagine approda per puro caso sulla scrivania di Adamsberg, commissario di polizia del 13° arrondissement di Parigi. Ci sono degli uomini anziani che muoiono a causa del morso di un ragnetto piccolo e schivo e assolutamente non mortale: «Si chiama reclusa, ragno eremita, ragno violino. Si chiama Loxosceles rufescens, Loxosceles reclusa nelle Americhe ma rufescens da…

Nelle isole estreme

«Un motivo per cui l’alcol dà dipendenza è che non funziona del tutto. Una cosa che funziona poco non basta mai.» Quando mi hanno regalato questo libro »ho temuto di trovarmi di fronte a uno di quei romanzi al femminile, nel senso peggiore del termine. Non mi hanno aiutato alcuni termini con i quali viene…

L’arminuta

Quante madri può avere una bambina che non ne ha nessuna? E se non avesse altra scelta che essere lei sola madre di se stessa? Figlia naturale: di una donna che ha già molti figli e troppa miseria. Figlia regalata: di una donna che non può avere figli e si prende lei, togliendola alla fame…

L’età dell’innocenza

La perfezione della scrittura di questo libro lo rende ciò che da sempre e da tutti è unanimemente riconosciuto: un capolavoro della letteratura occidentale. A contribuire a questo riconoscimento interviene la lucida visione che la sua autrice, Edith Wharton, ha della mentalità dei benpensanti newyorkesi nella seconda metà dell’ottocento. Nata a New York nel 1862,…

Il potere del cane – Il cartello

Art Keller è stato soldato durante la guerra del Vietnam. Non gli è piaciuto, così quando è tornato ha deciso di diventare prima un agente della CIA e poi di dare un senso alla sua vita combattendo il traffico di droga. Perciò viene inviato in Messico. E dove sennò? È così che prende il via…

Io non mi chiamo Miriam

L’anno scorso avevo comprato questo libro perché avrei voluto regalarlo a una mia carissima amica per Natale. Sapevo del suo interesse per i racconti sulla persecuzione degli ebrei, era sempre documentatissima su quell’argomento e sulla pazzia che aveva colpito una parte di mondo durante la seconda guerra mondiale. Io invece avevo sempre evitato, salvo rare…

Ad alto potenziale

Esiste un luogo comune che vuole che i ragazzi molto intelligenti debbano essere molto bravi a scuola. E se così non fosse? E se invece questi bambini plusdotati, a scuola si annoiassero tanto da perdere interesse per lo studio? E se i loro compagni li considerassero dei “diversi” e per questo li escludessero, se non…

La notte ha la mia voce

Alessandra Sarchi (1971) – reggiana di nascita ma bolognese di adozione, autrice di altri due romanzi e un libro di racconti, traduttrice per Einaudi dall’inglese, firma de ‘il manifesto’ e di altre testate – ha scritto questo libro pubblicato a febbraio scorso dalla casa editrice Einaudi e vincitore del premio Opera italiana al Premio letterario…

La prima verità

Simona Vinci (1970) è l’autrice di questo libro a metà tra romanzo e ricordi autobiografici, vincitore del Premio Campiello 2016. L’idea del libro nasce quando la scrittrice vede, o per meglio dire, impatta contro una fotografia, quella di una bambina legata a un letto di contenzione dentro un manicomio. I motivi che hanno portato la piccola…

La vegetariana

Questo libro è stato scritto da Han Kang (prima il cognome e poi il nome, secondo l’uso orientale), nata nel 1970 in Corea del Sud. Quella coreana è una società che produce innovazione e spinge i suoi rami verso il futuro, ma affonda le radici in un presente ancora patriarcale e gerarchico. “Nella società coreana…

L’astragalo

Il cielo si era allontanato di almeno dieci metri. Inizia così il romanzo di Albertine Sarrazin. È un salto di oltre dieci metri dal muro di cinta della prigione. È la sua evasione. Durante la quale Albertine, diciannove anni, si frattura un osso del piede: l’astragalo. Sarà Julien a prendersi cura di lei, raccogliendola letteralmente dalla…

Le ragazze

L’autrice di questo libro, la ventisettenne californiana Emma Cline, si deve essere chiesta come mai le ragazze delle comuni del libero amore degli anni sessanta fossero sempre loro a lavare i piatti. Non doveva essere il tempo della rottura degli schemi, dell’uguaglianza tra maschi e femmine? E perché i guru di queste comuni erano sempre…

Viva la vida

Frida Kahlo era una pittrice messicana. Ma avrebbe voluto essere un medico. Era una bella ragazza di diciotto anni su un autobus con il suo ragazzo quando l’autobus si accartocciò su di lei, sbriciolandola. Era il 1925 e la sua colonna vertebrale si ruppe in tre punti, si ruppe un femore, alcune costole e il…

Irma Bandiera

Ribelli

I ribelli, cosa sono i ribelli? No, non dico quelli che credono di ribellarsi a qualcosa invece sono solo capricci e vanità, dico i ribelli quelli veri, quelli che combattono contro qualcosa, oppure per qualcosa, quelli che hanno “l’ideale“, quelli che sono proprio degli idealisti. I ribelli, chi sono i ribelli? Degli sfigati, dei perdenti.…

Tina

Pino Cacucci, scrittore italiano del 1955, ha studiato al DAMS di Bologna nel bel mezzo degli anni ’70, quando la città era in pieno fermento culturale e politico e il dipartimento di arte, musica e spettacolo una fucina di idee. C’erano insegnanti come Umberto Eco e Gianni Celati… studenti come Andrea Pazienza, Pier Vittorio Tondelli,…

Donna Tartt. Il piccolo amico

Il secondo romanzo scritto da Donna Tartt è Il piccolo amico. Questo libro viene pubblicato dieci anni dopo il grande successo del suo primo, Dio di illusioni – qui la mia recensione – e le aspettative erano molto alte. Ma questo libro ha avuto meno successo del precedente, lasciando tiepidi gli estimatori e infiammando i…

Donna Tartt. Dio di illusioni

Dopo aver vinto il premio Pulitzer per la narrativa nel 2014 con il suo terzo e ultimo libro, Il cardellino – qui la mia recensione – Donna Tartt è stata scoperta in Italia da una grande quantità di lettori. I suoi primi due romanzi, pur tradotti e pubblicati anche nel nostro paese, non erano arrivati…

Donna Tartt. Il cardellino

Con il libro Il cardellino Donna Tartt ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa nel 2014. Ma se i premi non vi fanno impressione allora forse ve la farà la lettura di questo capolavoro della letteratura contemporanea. Classificato senza pretese nella categoria dei gialli, è in quella zona delle librerie che lo troverete. Ma…

Dovremmo essere tutti femministi

«La mia definizione di “femminista” è questa: un uomo o una donna che dice sì, esiste un problema con il genere così com’è concepito oggi e dobbiamo risolverlo, dobbiamo fare meglio. Tutti noi, donne e uomini, dobbiamo fare meglio.» Chimamanda Ngozi Adichie Vi propongo ancora un altro post su Chimamanda Ngozi Adichie. Perché si tratta di una donna…

Americanah

Di nuovo scrivo di Chimamanda Ngozi Adichie, stavolta del suo terzo libro. Dopo Metà di un sole giallo ho voluto leggere anche gli altri romanzi che aveva scritto. Così la settimana scorsa vi ho suggerito la lettura di L’ibisco viola mentre oggi vi invito a leggere il suo ultimo magnifico romanzo: Americanah. La Adichie è una giovane scrittrice nigeriana simpatica,…

L’ibisco viola

Ancora una volta mi imbatto in un libro che parla di religione. E di nuovo ne rimango travolta. Cosa vorrà dire? Suppongo che il mio ateismo venga affascinato dai racconti su uomini e donne che lasciano decidere all’irrazionale il corso delle loro vite. Certo è che Chimamanda Ngozi Adichie è una scrittrice formidabile. L’ibisco viola…

Atlante degli abiti smessi

Eri così piena di felicità, la vita ti andava così bene, il tuo corpo era tuo amico, tuo marito una certezza, tua figlia era simpatica e la amavi davvero. Che altro aggiungere al tuo armadio di colori, quello con il quale ricoprivi il tuo io perché fosse più visibile agli altri, con tessuti e modelli a farti da…

Metà di un sole giallo

Negli ultimi sette giorni sono successi fatti drammatici sulla scena internazionale. La settimana scorsa, il 12 novembre 2015 in Libano, nella città di Beirut, due attentatori suicidi dell’Isis si sono fatti esplodere uccidendo oltre quaranta persone. Il giorno dopo, 13 novembre, a Parigi ancora l’Isis compie attacchi suicidi e sparatorie durante i quali sono rimaste uccise centoventinove…

Il cerchio

Nel febbraio scorso una sfida lanciata da Cartaresistente (blog successivamente chiuso il 3 settembre 2017) aveva stimolato il mio istinto di competizione. Si trattava di scoprire con quali caratteri sconosciuti di una nazione misteriosa fosse scritta l’insegna di un negozio. Incredibilmente ho indovinato! La foto era stata scattata in Armenia e l’insegna era quella di…

L’albero velenoso della fede

Quattro sorelle, una madre sottomessa, un padre predicatore, battista e invasato, che immola la propria vita alla causa di fare adepti alla sua fede. Trasloca le sue cinque donne dagli Stati Uniti al Congo, con la seria intenzione di redimere le nere anime della foresta tropicale battezzandole nelle acque infestate di coccodrilli del fiume Kwilu. Barbara…

La collina delle farfalle

Un’amica mi regala un libro di cui non ho mai sentito parlare, non conosco nemmeno la sua autrice. Si tratta di “La collina delle farfalle” di Barbara Kingsolver. Lei si rivela essere una scrittrice statunitense laureata in biologia che ha scritto questo romanzo all’età di 56 anni e che, dicono le note biografiche, “vive con la…

Zero Zero Zero

L’ho letto fino in fondo questo libro. E non è stato facile. Prima di tutto perché è una lunga inchiesta e, in quanto tale, piena di riferimenti di cronaca, storia, geografia e politica non proprio semplici da decifrare. Poi perché è la fotografia di come la produzione e la vendita di questa sostanza influenzi il mondo che ci circonda.…

L’arte della gioia

Che parole usare per questo libro indispensabile? Goliarda Sapienza iniziò a scriverlo nel 1967 e ci mise dieci anni a terminarlo, ma fu rifiutato da tutti gli editori che lo lessero, perciò l’autrice non ebbe mai la soddisfazione di vederlo pubblicato. Nel 1998, a due anni dalla sua morte, Stampa Alternativa ne stampò poche copie. Ma…

L’uomo di Primrose Lane

James Renner, classe 1978, è un giornalista investigativo e produttore cinematografico statunitense che nel 2012 pubblica il suo primo, attualmene unico, romanzo: L’uomo di Primrose Lane. Dopo un inizio promettente, almeno per i miei gusti, dove si tratta di misteriose scelte esistenziali e torbidi passati nascosti, dove si indaga sulle regole dell’attrazione e dell’innamoramento, dove…

L’innocenza

Finalmente ho capito perché mi ostino a leggere i romanzi di questa scrittrice, nonostante alla fine mi sembri sempre mancare qualcosa. In effetti qualcosa manca, ma nello stesso modo in cui qualcosa manca sempre anche nella vita. Manca un finale compiuto, che chiuda il cerchio. Manca uno svolgimento avventuroso, mancano i melodrammi e a volte…

Mr Gwyn

Uno scrittore ormai famoso decide, superati i quarantanni, di smettere con i libri. Perciò dovrà guadagnarsi la pagnotta in qualche altro modo, inventando un nuovo modo di scrivere: non più romanzi ma ritratti a pagamento. Questo strano mestiere crea l’intreccio della trama e porta nella vita del protagonista avvenimenti imprevedibili. Un bel libro, una storia veramente…

Io vi maledico

Se non vi sono bastate le poche righe che sui quotidiani avete letto circa quella strana storia sull’Ilva di Taranto – e la maledizione che su essa incombe. Quegli imprenditori che si tolgono la vita a causa della crisi – strana depressione. Quelle pillole da dare ai bambini per fargli passare la rabbia – per…

Cronache di Gerusalemme

Graphic novel? No, graphic journalism! Ecco la corretta definizione per questa opera a fumetti a voler essere precisi. Che cos’è il graphic journalism? Ve lo dico con le parole di Guy Delisle, l’autore: “Io racconto quel che vedo quando passeggio per il mio quartiere a Gerusalemme, e questo mi basta, perché mi piace partire dai…

La figlia oscura

Non mi addentro nel gossip riguardante la vera identità di questa autrice, in fondo non mi interessa sapere se si tratta davvero di una donna oppure se è un uomo quello che si nasconde dietro questo nome. Ho da poco finito il suo ultimo libro pubblicato: Storia della bambina perduta (E/O 2014) che conclude la…

Vita

Un capolavoro. La scioltezza con la quale la Mazzucco scrive, la naturalezza con la quale srotola una storia complicata e lontana, confermano il talento strepitoso che ho incontrato leggendo La lunga attesa dell’angelo. In questo romanzo la protagonista è la bimba Vita, nata povera in Campania, che a 9 anni, nel 1903, prende il piroscafo per…

Pratiche applicazioni di un dilemma filosofico

Ah, grazie Mr McCall Smith. Ci sono molti motivi per cui la lettura di questo libro ci mette di buon umore. Anche se Isabel Dalhousie, la protagonista, ci fa quasi antipatia nella sua imperfetta ma equilibratissima vita, continuiamo con interesse a leggere ciò che le succede, forse perché nella serie di libri dedicati a questa…

Un libro sotto l’albero: Congo

Grazie a Cartaresistente (blog chiuso il 3 settembre 2017) che accoglie i miei desiderata per Natale anche se scritti in dialetto modenese. Mè a vliva un léber sàta al mé èlber ed Nadel ch’al s’intitola Congo. Al n’è brisa un léber italian, l’è belga, però al pèrla ed l’Àfrica, per la precisiaun dal Congo. Mo…

Germania anno zero - Roberto Rossellini, 1948

Il rogo di Berlino

Leggendo questo bel libro, scritto bene e che si beve letteralmente in poche ore, comprendiamo davvero cosa è stata la distruzione della città di Berlino, le atroci sofferenze che ha comportato per i suoi abitanti. Assistiamo alla smisurata violenza con la quale è stata sedata una delle più grandi violenze del secolo scorso. Ma siccome il libro…

Madame Bovary

Mah, dopo più di una settimana dalla fine di questa lettura ancora non sono sicura di quello che ho da dire su questo romanzo. Sicuramente scritto magistralmente ma… cosa c’è nei cuori dei personaggi raccontati da Flaubert? personaggi tutti descritti nelle loro meschinità, non se ne salva uno. Pare che Charles sia un padre affettuoso,…

Olive Kitteridge

Questo libro, scritto da Elizabeth Strout, scrittrice statunitense, ha vinto il premio Pulitzer nel 2009. E’ un libro molto bello, una sorta di romanzo in forma di racconti, o, se preferite, una raccolta di racconti in forma di romanzo. Quest’anno – 2014 – ne è stato fatto un adattamento cinematografico, un long movie di quattro…

Arrivederci piccole donne

Non è che la Serrano sia impeccabile nelle sue narrazioni, un po’ farraginosa qua e là la trovo sempre. Ma cosa volete che sia qualche scricchiolio in confronto a una storia corale, raccontata a più voci da quattro donne, qui sono cugine invece di sorelle come nel “Piccole donne” al quale liberamente si ispira. Quattro…