La torta di amarene

(Tempo di lettura: 4 min.)

Sì, lo voglio! No, non mi sto sposando, ma quando mai. Sto solo parlando con me stessa, come mi capita quando devo prendere decisioni importanti. Sì, ci voglio andare nel Kalahari. E tutti a chiedermi: ma che ci vai a fare? Nel Kalahari che c’è, dov’è, mai sentito parlare del Kalahari. Sì, vabbè, lo so, non ci sono le dune libiche o le piramidi egizie e – ora lo so – non è nemmeno il Mozambico dove “the sunny sky is aqua blue”. Anche gli elefanti sono difficili da vedere lì, sono ancora in libertà e vanno un po’ dove gli pare, più facile imbattersi in un bel cobra sputatore, vuoi mettere! Però io un motivo ce l’ho e per me è buono abbastanza da farmi andare fin là, proprio sul Tropico del Capricorno, più di venti ore di volo! Sì, lo voglio! A pensarci bene, questa frasetta non è così innocua come pretendo. Devo smetterla di far finta di niente, almeno con me stessa devo sforzarmi di essere sincera. Un po’ di sincerità ecco quello che ci vuole. E allora lo dico, a dir la verità è un nome, un semplice nome, be’ forse non proprio semplice, ma pur sempre solo un nome: J.L.Roy Molofololo. Che visione! Era tutto vestito di arancione quella sera, una tunica con disegni africani in nero e verde ma tutta arancione, stessa stoffa anche sulle scarpe e io lo trovai molto elegante! Se ne stava seduto dietro il tavolo con il gomito appoggiato alla sedia e un leggero svacco nella posa, come relatore non sembrava troppo preoccupato. Io e la mia amica B. eravamo andate ad assistere alla conferenza, ma poi l’ho visto e mi si è svuotata la mente. Lui era un boscimane del Kalahari, magro e non troppo alto ma con quella insolita aria di tranquillità e sicurezza che io, perfetta europea e mio malgrado condizionata dagli stereotipi, non mi sarei aspettata sulla faccia di uno il cui popolo vive ancora di caccia e ultimamente viene anche scacciato dalle sue terre ricche di diamanti. Lui invece no, il volto spiegazzato, il pizzetto assassino e quella leggera sfacciataggine tanto sexy.

È così che mi sono distratta, ero lì a sentir parlare di dramma e dolore e invece ecco che mi sento galleggiare sulla sedia, sarà stato quel vestito arancione che nessun uomo europeo indosserebbe, sarà che poi ha parlato e gli è uscita una voce profonda, così vibrante che mi si è insinuata nella pancia e lasciamo perdere da dove è entrata. Insomma, sarà il fatto che la causa del suo popolo mi ha commossa, sarà che mi sentivo attratta da lui, alla fine della conferenza l’ho avvicinato e, nonostante la aperta disapprovazione di B., gli ho chiesto l’autografo. Lui si è voltato verso di me e quando ha realizzato quel che gli avevo detto ha fatto un’espressione così stupita e ha sgranato tanto gli occhi che io mi sono sentita come Buster Keaton appeso alla lancetta dell’orologio in cima al grattacielo: ora mi ride in faccia, lo sanno tutti che non si chiede l’autografo ai conferenzieri e lui se ne sta lì e mi guarda basito e io vorrei sprofondare dall’imbarazzo, quasi quasi mollo la lancetta. 

Avrei dovuto dar retta a B.: queste cose non si fanno, cosa vado cercando, mi rendo ridicola, non posso proprio resistere? Eddai B. voglio solo vederlo un po’ più da vicino, che male c’è. E in effetti non c’è, tranne il fatto che lui non solo ha subito capito, ma sembra essersi preso tutto il tempo per guardarmi con calma e leggermi nei pensieri e io, sotto il suo sguardo dritto e sincero, ho perso tutta la mia baldanza! Neanche mi risponde, neanche ci prova a farmi l’autografo. Vuoi venire a bere qualcosa con me? Non l’ho detto io, l’ha detto lui, come da perfetta tradizione planetaria. Dev’essere stato allora che B. ha effettuato una retromarcia silenziosa scomparendo in mezzo alla folla, così quando mi sono girata a cercarla non c’era più. Bello scherzetto, lasciarmi sola proprio ora che ho più bisogno di lei, abbandonata a me stessa non troverò mai la forza per declinare l’invito. È inevitabile, gli rispondo di sì con le farfalle che mi svolazzano nello stomaco. E ora cosa gli dico, di che parliamo, io l’ho avvicinato sotto l’influsso di una sbornia da arancione acceso, non lo so mica cosa voglio da lui. Uhm!?! Sincera? Va bene, lo ammetto, so cosa voglio da lui. Moderazione, ecco quello che ci vuole e anche astinenza direi, anche dal vino che mi sta offrendo, che poi se divento pure allegra addio. Che bello però, in questo locale non ci guarda nessuno nonostante la sua vistosa mise e io, io ho voglia di toccarlo. Ma di nuovo mi anticipa, mi tocca prima lui, allunga la mano sui miei capelli e mi dice che un giorno di tanti anni fa, ancora bambino, un bianco della sua scuola di bianchi gli disse che aveva la pelle color della cacca, così lui rispose all’altro che aveva i capelli color della piscia, proprio come i miei. Ma che romantico! Non sarà che mi sta prendendo in giro? Non mi starà mica mancando di rispetto!?! Se non facciamo almeno finta di essere pari non mi diverto, mi succede sempre così con gli uomini. Che poi mia madre ha sempre confuso boscimane con debosciato. Sì ma che c’entra ora la mamma, il fatto è che J.L.Roy Molofololo ha preso il comando e io annaspo, mi sento intimidita e non so bene cosa aspettarmi. Chiacchiera soprattutto lui, ripete un po’ i concetti espressi alla conferenza, sorride e dice che se ne deve parlare della situazione dei boscimani, che il mondo lo deve sapere. Al secondo bicchiere si lascia un po’ andare, comincia a raccontarmi della sua infanzia italiana e io mi tranquillizzo, che fragile sono, così coraggiosa da abbordare quest’uomo tanto diverso e poi così rassicurata dallo scoprire esperienze comuni. Finalmente anche io riesco a parlare un po’ e ora siamo in due a ridere, non ho più la sensazione che si stia prendendo gioco di me. Sei sposato? Sorride: no. Prendo fiato, inspiro a fondo: alloraTIinvitoAcasaMIAdovehounabuonissimaTortachehofattoioconlaMarmellatadiAmarene. Ti piace la crostata? Sbatte le ciglia: sì. Lo confesso, non mi sono mai piaciute le smancerie e poi, ve l’ho già detto, lo volevo toccare. Avvicinandomi a quel suo vestito arancione mentre lo spogliavo mi sembrava che una nuvola colorata mi circondasse e ora togliermelo dalla testa non ce la faccio più. Così lo devo fare, vado con lui nel Kalahari, me l’ha chiesto e io: sì, lo voglio! Anche perché, spossati e sudati nudi sul letto quella notte, ho avuto la bella idea di dirgli che avevo proprio la canzone che faceva per noi e ho messo su Mozambique di Bob Dylan “there’s plenty time for good romance in Mozambique”… e lui di nuovo mi indovina: tu non hai idea di dove sia il Kalahari vero? E allora devi proprio venire con me in Botswana!

scritto il 4 novembre 2013
_____________________

Questo racconto partecipa agli EDS (Esercizi Di Scrittura) proposti da La donna Camèl

EDS – Arancione del grande cocomero
Queste le regole:
– Scrivi un racconto sincero
– Coloralo di arancione nel tuo blog
– Mettici uno scherzetto divertente
– Ma anche una canzone tropicale
– Che dentro ci sia almeno un animale
– Un po’ di umorismo se puoi e se ti piace, se no pazienza e pace
– Due settimane è il tempo, quando hai finito, dillo
– Dillo! (é troppa roba?)

Ecco gli altri blogger che hanno scritto racconti con queste stesse regole:
Pendolante: Giuseppe
La donna Camèl: CondominiPronto soccorso
Melusina:  Latte o limone?La pappa
Dario: Matilda
Hombre: Essere Johan Cruijff
Leuconoe: Tequila sunrise
Lillina: Pc gateMaracaibo
Angela: Notte insonne con gatti rosso arancio
Singlemama: In pirlo veritas
Marco C.: La stessa tonalità
Milano con gli occhiali: Il quadro capovolto

Annunci

10 pensieri su “La torta di amarene

  1. La prima pubblicazione di questo breve racconto è avvenuta sul blog de La Donna Camèl quindi è lì che sono stati raccolti i commenti di coloro che lo hanno letto. Mi hanno fatto tanto piacere perciò li voglio riportare anche qui. Eccoli:

    Lillina: È bellissimo!
    Risposta: Grazie Lillina, troppo buona :-))

    Pendolante: Dolce e divertente e originale e: si, lo voglio!
    Risposta: Anche io! :-))

    Melusina: Piaciutissimo, anche perché originalissimo. Stile sicuro e vario, per nulla dilettantesco. E tu, mia cara, non esitare: parti subito, vola con lui e salutami tanto il Kalahari, terra di sogno. Poi magari ci racconti il resto.
    Risposta: Cara Melusina, sei un tesoro, dopo aver letto il tuo commento ho fatto sogni bellissimi! Grazie 🙂

    Dario: Delicato.
    Risposta: Grazie 🙂

    Hombre: Tutti in Botswana! (che non è una brutta parola ce lo dice Hillman). Concordo assolutamente sul fatto che questo sia DAVVERO un ottimo lavoro. (Uffa, non che gli altri non lo siano, non volevo dire ciò). Ma questo è un fantastico uovo cioccolatoso e pieno di sorprese.
    Risposta: Caro Hombre, Hillman me lo sono cercato e salvato tra i preferiti, i tuoi complimenti li salvo nella memoria e nel cuore, grazie davvero! 🙂

    Leuconoe: Che bello! Veloce, frizzante…e se non è sincero questo non so proprio cosa lo sia. Sono arrivata alla fine quasi senza accorgermene, e mi ha messo pure di buonumore, tiè.
    Risposta: Se ti ha messo allegria allora obiettivo raggiunto! Grazie Leuconoe!

    Singlemama: Per un attimo ho sperato che sincerità e verità coincidessero e che J.L.Roy Molofololo esistesse davvero… Gran bel racconto.
    Risposta: Ma in fondo cos'è la verità se non qualcosa in cui crediamo con testardaggine? Grazie Singlemama, sono contenta che ti sia piaciuto 🙂

    Mi piace

  2. MOLTO BELLO, decisamente il tuo genere. E' il mio preferito dei pochi che hai messo in bacheca e se lo vuoi sapere credo sia il tuo genere…intendo l'ironia, cosa credevi? Brava Calikanto e sappi che l'importante è fiorire non importa quando…credi che il calicanto si intristisca molto di fiorire in inverno? Meno scocciatori ecco cosa pensa secondo me.
    Solo un consiglio: cambierei la grafica della pagina, l'idea della cornice è buona ma i libri stilizzati non mi fanno impazzire…almeno a me.
    Vai e scrivi, divertiti e gioisci, mettersi alla prova è il gioco più bello: Brava!

    Mi piace

  3. La donna Camèl, come di consueto, dopo la pubblicazione di tutti i racconti che hanno partecipato a questo esercizio di scrittura da lei ideato e proposto, tira le somme e scrive una recensione su ciascuno. Ecco il suo commento a questo racconto:
    “Che soddisfazione ragassi! Calikanto ha aperto un blog proprio grazie al successone che hanno fatto i suoi EDS, e così oltre che spingitrice di scrittori, oltre che levatrice di racconti in fasce, adesso mi posso chiamare anche madrina di blog. Questo racconto poi è bellissimo e non l'ho detto solo io, l'han detto tutti! E' divertente, ironico, erotico, pieno di verità, di coraggio, di calore e di colore, in tutti i sensi!”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...