I 7 pianeti – Nettuno

7_Pianeti_Nettuno

Illustrazione di Davide Lorenzon

Aspetto.
Da centinaia di migliaia di rotazioni aspetto.
Ho tempo, posso aspettare quasi all’infinito. Già il concetto stesso di “tempo” è per me riduttivo.
Esisto da così tanto che non ricordo nemmeno più ne quando ne dove ho preso coscienza di me.
So di essere antico e so che ho viaggiato per spazi neri e vuoti per milioni di frazioni-luce, fino a che non sono stato catturato dal pianeta attorno al quale adesso orbito.
È freddo il pianeta e la sua atmosfera vista da quassù è scossa da tempeste e vortici che la animano di vita selvaggia.
Il pianeta è chiamato Nettuno in questo sistema e per fortuna il suo campo gravitazionale ha fermato centinaia di milioni di anni fa la mia folle corsa verso il Sole lontano.
Da allora, ruoto attorno a lui come se fosse la mia stella. Ruoto in direzione opposta al moto di Nettuno sulla sua orbita e questo è così strano che per molto tempo gli abitanti di Sol 3 (gli unici esseri intelligenti di questo sistema solare) hanno puntato tutti i loro strumenti verso di me, per cercare di capire il perché di cotanta stranezza.
Mi hanno anche dato un nome: Tritone e m’hanno categorizzato come satellite.
In realtà sono ben altro, il secondo di quelli come me che ha raggiunto la maturità nel raggio di un paio di anni luce. Quello che mi ha preceduto ha fatto un ottimo lavoro, io dovrò cercare un altro sistema solare appena sarò grande a sufficienza.
Altri come noi hanno tentato di svilupparsi in questo splendido sistema di pianeti che girano attorno ad una stella calda e tranquilla, ma quasi tutti si avvicinano troppo al Sole, quando sono neonati, e svaniscono in una scia di ghiaccio sublimato.
“Comete”, le chiamano quelli del terzo pianeta e alcuni hanno intuito il nostro ruolo nel diffondere la vita nell’Universo, anche se il meccanismo che è stato ipotizzato non si avvicina nemmeno lontanamente alla realtà. Alcune di queste comete sono famose perché si consumano in vari passaggi attorno al Sole, passaggi che sono distanziati da molte rotazioni, un tempo che agli abitanti di Sol 3 pare eterno ma che per me è un attimo. Le comete sono leggenda laggiù, per me rappresentano dei potenziali fratelli, sperma cosmico in cerca di un uovo da fecondare.
Loro, e io con loro, veniamo da fuori, da una zona di Universo che genera matrici organiche autoreplicanti.
Vita, insomma.
Noi portiamo vita laddove ci insediamo.
Il mio predecessore si era incistato in un corpo roccioso simile a quello che ora ospita me, a metà strada tra il quarto e il quinto pianeta. Quando si è schiuso, la sfera di roccia si è frantumata in milioni di pezzi che ancora girano in quella zona, con me succederà lo stesso: parte del guscio formerà un anello di polvere attorno a Nettuno; altri pezzi cadranno sul pianeta, e io spiegherò il mio corpo immenso e le mie poderose ali da Fenice Spaziale, e schizzerò lontano, magari verso Gliese, per portare anche li una scintilla di vita.
Auguratemi buona fortuna, sento che la schiusa è prossima, tra dieci milioni di anni al massimo prenderò il volo.


“I 7 pianeti” : testi di Barney
Illustrazioni di Davide Lorenzon CRT2
Progetto I magnifici 7

2 pensieri su “I 7 pianeti – Nettuno

  1. Pingback: A volte ritornano: Nettuno (7 di 7) | BarneyPanofsky

  2. Pingback: Sic semper arturianis | Suprasaturalanx

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...