I 7 pianeti – Venere

2_Pianeti_Venere

Illustrazione di Davide Lorenzon

Cara A.,
anche oggi ho rischiato il licenziamento in tronco per poter rubare un fiore dalla serra, il fiore che troverai secco e stirato alla meno peggio, appiccicato alla fine di questa mia lettera.
Ma non andare subito a vederlo, ti prego! Aspetta che le mie parole ti portino da lui un passo alla volta, assapora con me questi pochi minuti in cui possiamo far finta di stare insieme anche se tu sei a casa, a San Francisco e io sono rinchiuso nell’immensa cupola a pressione di Lovetown, regione di Ishtar, Pianeta Venere!
Salvetti, il mio capo, m’ha quasi beccato mentre strappavo per te la piccola margherita. Ho dovuto nasconderla subito in bocca e per cinque minuti buoni non ho potuto parlare ne deglutire, è stata dura, ma il mio regalo per te, il pegno d’amore che vuole gettare un ponte tra le decine di milioni di chilometri di freddo, buio e nulla che ci separano, è laggiù in fondo al foglio che aspetta le tue labbra e le tue dita.
Lascio anche un pò di me, sul foglio: quella macchia bruna che vedi a sinistra della margherita (dai, ora puoi guardarla) è una goccia del mio sangue.
A destra c’è un cerchio tracciato con il lapis, lo vedi? Ecco, li dentro ho fatto gocciolare due mie lacrime, l’altro giorno mentre scrivevo e pensavo a te.
La cosa più preziosa è nella provetta inserita nel thermos criogenico, sono 3 centilitri di sperma, il mio, perché possiamo finalmente far nascere nostro figlio.
Al mio ritorno a Frisco, tra cinque anni, lo vorrei trovare a scuola, bello come sua madre, vivace, intelligente!
Mi hai detto che il dottor Mint ti ha assicurato che l’inseminazione avrà successo, lo spero davvero, così come spero che alla fine darai a nostro figlio il nome che avevamo scelto assieme: Robert (non Joshua, che tra l’altro non ho nemmeno capito bene da dove salti fuori).
Cara A., ti lascio per adesso e ti abbraccio teneramente.
Saluta per me il tuo nuovo amico Moshe che mi dici commercia in tessuti organici sottoposti a radiazioni cosmiche, e che ti accompagna al posto mio alle serate del circolo del Bridge. Non fossi sicuro della tua fedeltà mi preoccuperei di questa tua nuova frequentazione, ma ti amo così tanto e sono così sicuro del tuo amore che passo sopra anche a Moshe.
A tra cinque anni,
tuo B.


“I 7 pianeti” : testi di Barney
Illustrazioni di Davide Lorenzon CRT2
Progetto I magnifici 7

4 pensieri su “I 7 pianeti – Venere

  1. Pingback: A volte ritornano: Venere (2 di 7) | BarneyPanofsky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...