Costruire

IreneGrandi

Chiudi gli occhi, immagina una gioia, molto probabilmente penseresti a una partenza.
Si vivesse solo di inizi, di eccitazioni da prima volta, quando tutto ti sorprende e nulla ti appartiene ancora.
Penseresti all’odore di un libro nuovo, a quello di vernice fresca, a un regalo da scartare, al giorno prima della festa, al 21 marzo, al primo abbraccio, a una matita intera, alla primavera, alla paura del debutto, al tremore dell’esordio.

Ma tra la partenza e il traguardo in mezzo c’è tutto il resto.
E tutto il resto è giorno dopo giorno. E giorno dopo giorno è silenziosamente costruire.
E costruire è sapere e potere rinunciare alla perfezione.

Ma il finale è di certo più teatrale, così di ogni storia ricordi solo la sua conclusione.
Come l’ultimo bicchiere, l’ultima visione, un tramonto solitario, l’inchino e poi il sipario.

Ma tra l’attesa e il suo compimento, tra il primo tema e il testamento, in mezzo c’è tutto il resto. E tutto il resto è giorno dopo giorno. E giorno dopo giorno è silenziosamente costruire. E costruire è sapere e potere rinunciare alla perfezione.

Ti stringo le mani
rimani qui
cadrà la neve
a breve


Oggi è un giorno speciale, è il natale, la nascita, il giorno in cui tutto comincia e, allo stesso tempo, un altro tutto – se ci pensate bene – finisce. E allora vi dedico questa bellissima canzone di Niccolò Fabi, che parla di inizi e di primi abbracci. Che parla di finali e ultimi bicchieri.
Ma l’ammaliante voce di Irene Grandi, che interpreta in modo delicato e profondo questo testo, ci ricorda che quello che ci rende vivi non è il sipario che si apre o che si chiude, bensì quello che sta tra l’inizio e la fine: ciò che costruiamo, qualche volta con fatica, più spesso senza accorgercene.
Stefano Bollani, per il cui talento musicale ho una grande ammirazione, è al piano e già questo basterebbe a rendere indimenticabile questa interpretazione. Peccato solo per il live girato in modo estemporaneo a una presentazione in Feltrinelli a Milano il 24 ottobre 2012, vale a dire il giorno dopo l’uscita del loro album insieme. Il suono del pianoforte si perde un po’ ma la grande bravura dei due musicisti e la loro capacità di concentrazione riescono a portarci, nonostante il contesto, nell’emozione di questa canzone.

Buon natale a tutti

 

 

6 pensieri su “Costruire

  1. Ciao carissima!
    Hai scelto un brano che amo. Non sapevo di questa cover. Bel regalino natalizio.
    Grazie.
    P. S. Ho messo pure io un post natalizio musicale: simpatico e “sberleffante” se mi è concessa la licenza poetica. Ciao!

    Piace a 2 people

Rispondi a Pendolante Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...