Pinuccio Sciola

Sciola1Stamattina è morto, all’età di 74 anni, Pinuccio Sciola, scultore sardo conosciuto in tutto il mondo. Io ebbi modo di incontrarlo grazie a mio fratello, che me lo presentò qualche anno fa (omettendo di dire che ero sua sorella… ha sempre avuto qualche problema nei miei confronti mio fratello). Pinuccio, che ci accolse nella sua casa di San Sperate, in provincia di Cagliari, dove lavorava e teneva parte delle sue opere, prese in braccio il mio bambino di due anni e lo portò a suonare le sue sculture. Era un uomo profondo e aperto, intelligente e sensibile, gioviale e ruvido, come le sue pietre, come la sua terra. Era legato alla Sardegna da un vincolo spirituale che lo aveva sempre sostenuto permettendogli di riportare tutto a casa. La sua esperienza del ’68 francese gli insegnò la condivisione e la dimensione sociale dell’arte, perciò tornato in Sardegna coinvolse tutto il paese iniziando a imbiancare di calce i muri per le strade e invitando gli artisti a ricoprirli di disegni e così oggi San Sperate è diventato “paese museo” proprio grazie ai murales. E le sue rocce le vedrete spuntare ovunque nella terra riarsa dell’isola. Era stato capace di un miracolo artistico, da quelle rocce aveva saputo far uscire l’anima millenaria, intagliandole e scoprendone la voce. Pietre sonore le chiamava e le portava in “tournée” per far ascoltare a tutti la loro musica.
È un pezzo importante di storia che se ne va, Pinuccio, che ci mancherà. Ma voglio ringraziarlo infine qui per qualcosa che lui nemmeno sapeva di avermi regalato, come tutti i grandi artisti fanno, seminando omaggi poetici agli sconosciuti che li raccoglieranno. Quando la nostalgia di quella terra mi prende più forte posso raggiungere, a pochi passi da casa mia, le poltrone di pietra da lui scolpite, che la mia città ha posizionato nel palazzo del comune proprio al centro del suo cuore, come la Sardegna lo è al centro del mio. Posso sedermici con un libro o un’amica, o semplicemente con la voglia di toccarle con le mani.

Ecco il salotto di pietra di Pinuccio Sciola in Palazzo d’Accursio a Bologna

Sciola3

Pinuccio Sciola insieme a Moni Ovadia nello spettacolo “Poesia delle pietre e della parola”

Sciola4

Pinuccio Sciola con Renzo Piano

Sciola7

Pinuccio Sciola con Andrea Camilleri

Sciola9

Pinuccio Sciola con Marino Sinibaldi

Sciola6

Pinuccio Sciola con Philippe Daverio

Sciola5

Pinuccio Sciola con Giorgio Napolitano

Sciola8

L’Unione Sarda rende omaggio a Pinuccio Sciola pubblicando dodici tavole  (foto di Max Solinas e Daniela Zedda) con altrettanti pensieri vergati a fondo pagina da personalità della cultura sarda, italiana e internazionale.
La prima tavola, con commento di Paolo Fresu:

Sciola12

La seconda tavola, con commento di Renzo Piano:

Sciola13

Tributo a Pinuccio Sciola di Davide Dentoni

Sciola11

Annunci

6 pensieri su “Pinuccio Sciola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...