Un libro sotto l’albero: Congo

Grazie a Cartaresistente (blog chiuso il 3 settembre 2017) che accoglie i miei desiderata per Natale anche se scritti in dialetto modenese.

Un libro sotto l'albero - Congo

Mè a vliva un léber sàta al mé èlber ed Nadel ch’al s’intitola Congo. Al n’è brisa un léber italian, l’è belga, però al pèrla ed l’Àfrica, per la precisiaun dal Congo. Mo s’at in frega a tè dal Congo, a gi vu èter. A soun curiosa! E la mé curiosité la m’è gnuda da un léber ch’a jò lèt ed quater surèli ch’i van a véver in Congo da l’Àmerica in t’i an s’santa, quand al Congo l’è gnu indipendèint dal Belgio. N’ètra curiositè la m’è po’ gnuda anch da un spetacol ch’a jò vést a teàter ch’al m’è piasu dimondi: “Coup fatal”. Anca chè a gh’è d’mez al Belgio, che al coreografo l’è Alain Platel, ma dèinter a gh’è anch al Congo, che i musicèsta e i balarèin i éren tòtt di africàn ed cal paes lè. E insàma, adèsa a vrév savér quèl éd piò éd cla tèra e a pèins che in sètsèint fój éd léber a gh’è dimondi quèl.

Il dialetto che ho usato è il modenese e devo dirvi che usarlo mi porta sempre verso una esposizione un po’ contadina dei miei pensieri, direi terra terra, perciò abbiate pazienza, questa è la traduzione letteraria di quanto sta scritto sopra:

Io vorrei un libro sotto il mio albero di Natale che si intitola Congo. Non è un libro italiano, è belga, però parla dell’Africa, per la precisione del Congo. Ma cosa te ne frega a te del Congo, direte voi. Sono curiosa! E la mia curiosità mi è venuta da un libro che ho letto che parla di quattro sorelle che vanno a vivere in Congo dagli Stati Uniti negli anni sessanta, quando il Congo è diventato indipendente dal Belgio. Altra curiosità mi è poi venuta anche da uno spettacolo che ho visto a teatro che mi è piaciuto molto “Coup fatal”. Anche qui c’è di mezzo il Belgio, dato che il coreografo è Alain Platel, ma dentro c’è anche il Congo, dato che i musicisti e i ballerini erano tutti africani di quel paese. Insomma, adesso vorrei sapere qualcosa in più di quella terra e penso che in settecento pagine di libro ci sono parecchie cose.

Congo, di David Van Reybrouck, traduzione di Franco Paris (Feltrinelli 2014)

Un libro sotto l'albero - Congo

Mè a vliva un léber sàta al mé èlber ed Nadel ch’al s’intitola Congo. Al n’è brisa un léber italian, l’è belga, però al pèrla ed l’Àfrica, per la precisiaun dal Congo. Mo s’at in frega a tè dal Congo, a gi vu èter. A soun curiosa! E la mé curiosité la m’è gnuda da un léber ch’a jò lèt ed quater surèli ch’i van a véver in Congo da l’Àmerica in t’i an s’santa, quand al Congo l’è gnu indipendèint dal Belgio. N’ètra curiositè la m’è po’ gnuda anch da un spetacol ch’a jò vést a teàter ch’al m’è piasu dimondi: “Coup fatal”. Anca chè a gh’è d’mez al Belgio, che al coreografo l’è Alain Platel, ma dèinter a gh’è anch al Congo, che i musicèsta e i balarèin i éren tòtt di africàn ed cal paes lè. E insàma, adèsa a vrév savér quèl éd piò…

View original post 234 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...